La Vendemmia per un Sangiovese senza conservanti.

Da mio padre avevo saputo che molti anni fa, quando lui aveva una brutta malattia al fegato, una piccola azienda agricola produceva per lui e una altra persona un vino sangiovese senza conservanti.

Recentemente ho avuto occasione di riparlare di questo fatto e volendo rifornire la mia cantina di vino mi sono fatto accompagnare presso questa azienda dove ho ritrovato solo i figli che continuano la gestione dell’azienda e si ricordavano perfettamente di questo fatto, anche perché la richiesta e la  produzione di questo vino che loro hanno chiamato NOBIS (no bisolfito) è cresciuta e arrivata ad oltre il 15 % della produzione annuale.

Questo vino per me ha una caratteristica fondamentale e cioè  non mi dà, anche quando bevuto in quantità superiore alle mie abitudini ( comunque morigerate) sintomi come il mal di testa e/o altri effetti collaterali che invece ho, spesso, quando bevo vini anche famosi e ..più costosi.

Per questo motivo, oltre che per i ricordi che mi riporta alla mente, ho chiesto a Maurizio e Maura (i due figli) di poter seguire tutto il processo produttivo a partire da questa vendemmia 2017 fino a quella 2018 per poter osservare modalità, trattamenti ma anche vivere alcuni momenti della nostra campagna (a partire dalla vendemmia) come facevo tantissimi anni fa.

Questo video rappresenta la prima fase del processo produttivo, a partire dalla vendemmia, in attesa del primo vero assaggio che faremo a fine novembre / primi Dicembre e di cui daremo riscontro sperando che il vino sangiovese di questa annata abbia i profumi e i sapori tipici del miglior sangiovese.

Le premesse ci sono tutte.

About the author: Gianfranco Baraghini